In primo piano

TERREMOTO IN CENTRO ITALIA
CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA
Ufficio Nazionale per le comunicazioni sociali
 
_terremoto 

Stanziato 1 milione di euro dall'otto per mille
Terremoto: 18 settembre, colletta in tutte le Chiese

In conseguenza al sisma che questa mattina ha colpito il centro Italia, la Presidenza della CEI dispone l'immediato stanziamento di 1 milione di euro dai fondi dell'otto per mille per far fronte alle prime urgenze e ai bisogni essenziali.
La Chiesa che è in Italia si raccoglie in preghiera per tutte le vittime ed esprime fraterna vicinanza alle popolazioni coinvolte in questo drammatico evento. Le diocesi, la rete delle parrocchie, degli istituti religiosi e delle aggregazioni laicali sono invitate ad alleviare le difficili condizioni in cui le persone sono costrette a vivere. A tale scopo, la Presidenza della CEI indice una colletta nazionale, da tenersi in tutte le Chiese italiane il 18 settembre 2016, in concomitanza con il 26° Congresso Eucaristico Nazionale, come frutto della carità che da esso deriva e di partecipazione di tutti ai bisogni concreti delle popolazioni colpite.
Le offerte raccolte dovranno essere inviate con sollecitudine a Caritas Italiana, Via Aurelia 796 - 00165 Roma, utilizzando il conto corrente postale n. 347013 o mediante bonifico bancario su Banca Popolare Etica, via Parigi 17, Roma - Iban: IT 29 U 05018 03200 000000011113 specificando nella causale "Colletta terremoto centro Italia".
Offerte sono possibili anche tramite altri canali, tra cui:
- on line (sul sito www.caritas.it)
- Banca Prossima, piazza della Libertà 13, Roma - Iban: IT 06 A 03359 01600 100000012474
- Banco Posta, viale Europa 175, Roma - Iban: IT91 P076 0103 2000 0000 0347 013
- UniCredit, via Taranto 49, Roma - Iban: IT 88 U 02008 05206 000011063119.

 
scquizzato2016_01

 

RESISTIAMO ALLA GUERRA!

La guerra continua e ci minaccia sempre più da vicino. Resistiamo alla guerra!

Non lasciamoci coinvolgere! Fermiamola!

Da più di cinque anni, la guerra che sta devastando tante parti del mondo infuria anche in Libia, a pochi chilometri da casa nostra. In Libia si scontrano molte milizie, gruppi criminali, paesi e interessi. La posta in gioco è il controllo di un territorio ricco di gas e di petrolio, la gestione del traffico dei migranti, della droga e delle armi. Il problema è politico ma tutti lo continuano ad affrontare con le bombe, provocando un disastro sempre più grande.

La decisione americana di intervenire direttamente con nuovi bombardamenti è il segno dell'escalation in corso.

Dicono che stanno combattendo lo stato islamico ma la guerra non ha mai risolto un solo problema senza crearne di peggiori.

Anche questa volta dicono che durerà poco ma di tutte le guerre

contemporanee conosciamo solo la data d'inizio.

Dicono che non ci sono alternative ma è solo un altro modo per dire che la guerra è la sola cosa che sanno fare.

Anche nei giorni scorsi, Papa Francesco ha denunciato la terza guerra mondiale in corso: una guerra a pezzi combattuta per interessi, per i soldi, per le risorse della natura, per il dominio dei popoli.

Per fermarla ci sono molte cose da fare.

La prima è non combatterla.

Resistere alla pressione di chi ci vorrebbe risucchiare in quel vortice.

Rifiutare ogni forma di coinvolgimento.

Partecipare alla guerra in Libia non ci metterà al sicuro ma ci esporrà a nuovi pericoli.

E' tempo di riconoscere che il primo interesse concreto, vitale, dell'Italia è la pace. Solo con la pace abbiamo la possibilità di assicurare sviluppo e benessere per tutti. Per questo l'Italia deve agire concretamente, con coraggio, determinazione e insistenza, con una strategia e obiettivi definiti, cercando ogni strada per fermare le tante guerre in corso in Libia, nel Mediterraneo, nel vicino oriente e in Africa.

Ma non si può parlare di pace e fare la guerra.

Resistere alla guerra, soccorrere le vittime, proteggere la popolazione, accogliere i rifugiati, contrastare i traffici di ami, riunire tutte le istituzioni e forze sociali che vogliono la pace, aprire un dialogo costruttivo con tutti, mobilitare tutte le risorse della politica, della diplomazia e della società civile... le strade della pace sono difficili ma non impossibili. Percorriamole tutte, prima che sia troppo tardi.

Noi ci sentiamo responsabili e vogliamo fare la nostra parte. Poco o tanto che sia.

Domenica 9 ottobre marceremo assieme da Perugia ad Assisi per fermare le guerre e i violenti.
Se davvero vuoi la pace, devi esserci anche tu.
Tavola della pace
Rete della pace
Flavio Lotti
Sergio Bassoli
d. Luigi Ciotti
p. Alex Zanotelli
p. Egidio Canil
Invia la tua adesione al Comitato promotore Marcia PerugiAssisi, via Della Viola 1 (06122) Perugia - Tel. 075/5736890 -
cell. 335.6590356 - fax 075/5739337 -
email segreteria@perlapace.it - www.perlapace.it
Perugia, 6 agosto 2016

 

Ultime notizie

Banglanews 744 - 24 agosto 2016

Missione
»» Chi vincerà le Olimpiadi? di Dario Bossi
»» La giornata dell'amico di Sr Stefania Raspo
»» Missionarie Scalabriniane: da 25 anni al servizio dei migranti in Honduras
Chiesa
»» Papa: la Chiesa e il mondo hanno ancora bisogno delle suore contemplative
»» Ritorno all'essenza di Maria Gloria Riva...

Leggi

CARITAS: EMERGENZA TERREMOTO CENTRO ITALIA


Forti scosse telluriche nella notte hanno causato vittime e danni ingenti nelle province di Rieti, Ascoli Piceno e di Fermo. La Conferenza episcopale italiana esprime vicinanza alle popolazioni colpite e stanzia 1 milione di euro per i primi interventi di solidarietà. Indetta colletta nazionale per domenica 18 settembre. Caritas Italiana si è prontamente attivata per coordinare le azioni di sostegno...

Leggi

Terremoto, il Papa annulla catechesi

"Commosso, alle vittime l'abbraccio della Chiesa"

ROMA - Il sisma che ha devastato diversi paesi dell'Italia centrale ha provocato almeno 120 morti. Il bilancio lo ha fornito il presidente del Consiglio Matteo Renzi, che nel pomeriggio è andato nelle zone colpite. La tragedia di Amatrice, Accumoli, Pescara del Tronto ha suscitato reazioni commosse e appelli all'impegno per le popolazioni colpite. Da papa Francesco al presidente della Repubblica Sergio Mattarella, dai governatori delle varie regioni italiane all'Unione europea...

Leggi

Il Papa dalla parte delle donne

Il Papa dalla parte delle donne: "Pace e giustizia per violentate e schiave"
Il pontefice all'Angelus nel giorno dell'Assunta contro la "cupidigia degli uomini". Ha poi condannato il "vergognoso silenzio" sugli innocenti vittime di "persistenti conflitti"...

Leggi

Banglanews 743 - 13 agosto 2016

Missione
Il calore di una famiglia di sr Stefania Raspo
Missionari Comboniani: il 2017 dedicato al 150° di fondazione
Mondialità
"Livello di civiltà disastroso, regrediti alla cultura del nemico"
I 6 Paesi più ricchi ospitano il 9% dei rifugiati
Ospitare rifugiati? un beneficio economico di Marco Cochi
Terrorismo, vittime più vittime di altre di Raffaele Masto
I musulmani condannano ogni violenza di Roberto Catalano
Il crowdfunding contro la privatizzazione dei beni comuni di Alessandro Graziadei...

Leggi

Papa incontra le ragazze salvate dalla prostituzione

Papa incontra le ragazze salvate dalla prostituzione dalla comunità di Don Benzi
L'incontro, a sorpresa, in un appartamento privato nella zona di Pietralata a Roma


Venerdì della Misericordia - Papa Francesco visita le ragazze accolte dalla Comunità Giovanni XXIII
12-08-2016
Il Venerdì della Misericordia del mese di Agosto ha visto Papa Francesco recarsi in un quartiere nella periferia della città di Roma, dove in un complesso condominiale ha incontrato alcune ragazze che partecipano al progetto di recupero della Comunità Giovanni XXIII fondata da Don Benzi....

 

Leggi

Qualche anno fa in parrocchia...

Natale: la Comunione ad un fratello musulmano

Vi racconto, senza enfasi o giri di parole, quanto ho vissuto nel Natale da poco celebrato.
Un fratello marocchino, di fede mussulmana, alla vigilia di Natale mi chiese se potevo aiutarlo a capire come noi cristiani avremmo pregato a Natale in chiesa. Non avendo materialmente il tempo, gli ho dato il foglio dei canti, dicendogli che, dopo le festività, avremmo trovato il modo per farlo. Per di più la poca familiarità con la lingua italiana mi rendeva difficile anche solo avviare un discorso. Ho intuito che avrebbe preso parte alla celebrazione. Infatti lo vedo presente alla messa, attento e raccolto, con il foglio tra le mani...

Leggi

Banglanews 742 - 10 agosto 2016

Missione
»» Una notte in Africa tra animali selvatici di Piero Gheddo
GMG 2016
»» Il plauso del mondo ebraico per lo stile di Francesco ad Auschwitz di Giorgio Bernardelli
»» Papa: giovani, non accettate l'odio tra i popoli, credete in una nuova umanità
»» Il Papa: ingiusto identificare islam con violenza di Mimmo Muolo
»» Bagnasco: che lezione da questa gioventù di Francesco Ognibene
»» Papa: A Cracovia la profezia per i giovani, l'Europa, il mondo e la sua "guerra a pezzi"...

Leggi

Guerra all'Isis: azioni o proclami?

dal sito www.micromega.net
Mentre in Turchia è ormai islamo-fascismo esplicito, l'Occidente, con un ritardo inqualificabile, racconta che saprà difendersi dal terrorismo islamico. Ma questa guerra, che è di legittima difesa, i nostri establishment hanno davvero intenzione di farla, combattendo ogni forma di fondamentalismo islamico? E l'Islam che si dichiara moderato e "scomunica" i terroristi, ha davvero deciso di parteciparvi?...
di Paolo Flores d'Arcais

Leggi

Comunicato stampa

Senza un voto del Parlamento il nostro paese interviene ancora in Libia. La coscienza cristiana faccia i conti con la storia e con l'oggi. Il silenzio potrebbe essere complice.

Giovedì in Parlamento, alle Commissioni Esteri e Difesa, si è discusso della concessione da parte del Governo italiano delle basi militari ai droni e ai cacciabombardieri USA per il loro intervento in Libia. I ministri della Difesa e degli Esteri Pinotti e Gentiloni, snobbando il Parlamento, non si sono presentati inviando due sottosegretari. Nessun voto è previsto sulle decisioni del Governo, che violano l'art. 11 della Costituzione. Per quanto il fatto sia incredibile, ieri venerdì i due maggiori quotidiani ("Corriere della Sera" e "Repubblica") non hanno pubblicato niente si questo incontro....

Vittorio Bellavite - coordinatore nazionale di Noi Siamo Chiesa - Roma, 6 agosto 2016

Leggi