Preghiera dell’emigrante

16-08-2017 - Preghiere poesie

Salmo 60,1-6: Preghiera dell’emigrante      (traduzione don Sergio Carrarini)
Mi prostro fino a terra riverente,
ti adoro e ti prego, grande Allah,
creatore e luce dell'umanità
che sorridi i tuoi raggi sul mondo
e lo guidi come faro nella notte.

Ti invoco, Signore, nel tumulto
delle opulente città dell'Europa
nascondendomi in qualche giardino,
nei parchi iniettati di siringhe
o nelle buie e vuote chiese dei cristiani.

Sono un giovane emigrante africano
e il mio cuore è nero d'angoscia
come la mia pelle e i miei capelli,
come il lavoro che mi offrono
e i loro sguardi venati di razzismo.

Sto perdendo, o Allah, la fiducia
di arrivare un giorno a raccogliere
le briciole o i tozzi di pane
che cadono in abbondanza dalle mense
degli epuloni del ventunesimo secolo.

Ancor oggi, Signore, essi curano
più i cani, i gatti, i guardaroba
che gli affamati lazzari neri
sbarcati clandestinamente nei porti
con i carghi di merci espropriate.

Solo in te è la mia fiducia, o Allah!
Per me tu sei più grande e potente
di tutte le potenze occidentali
e del loro Dio che non amano e non pregano.
Nelle tue mani affido il mio futuro!

Anche se molte porte mi si chiudono,
anche se la paura e il disprezzo
mi accompagnano come ombre maledette,
certamente incontrerò delle persone
che hanno abbattuto nel cuore le frontiere.

Io credo che tu sei forza e speranza,
rifugio e protezione potente
per chi si affida alla tua volontà
e cammina nella via della fede
ben oltre le speranze deluse.

 

Salmo 60,7-9: Voti e suppliche di un Africano    
Nel momento di iniziare il mio viaggio
faccio voto di mantenermi fedele
alla fede e alle tradizioni del mio popolo
anche in mezzo alle nazioni d'Occidente
che praticano una religione ateista.

La fede e la solidarietà tra fratelli,
il valore incommensurabile della vita
nel dono dell'amore e dei figli,
nel rispetto della terra che è madre,
sono ricchezze che non voglio smarrire.

Questi doni mi vengono da te
attraverso l'eredità dei miei padri
ma forte è la tentazione di svenderli
per un pezzo di pane ed un letto,
per un’integrazione di pura facciata.
                  
Da questa terra d'esilio e sofferenza,
da questa terra d’illusioni e speranze,
da questa terra ricca e indifferente
ti prego per la mia famiglia e il mio popolo
e per la grande Africa martoriata.

Proteggi, o Allah, i suoi governanti,
le sue guide spirituali e i suoi profeti,
i villaggi e le tribù delle savane,
le carovane e i nomadi del deserto,
gli abitanti delle bidonville cittadine.

E soprattutto proteggi i suoi figli
dispersi tra i popoli della terra
a mendicare un diritto negato.
Apri loro il cuore e le case
dei credenti che vivono in ogni popolo.

Così tornerà il sorriso sulle labbra
con i canti e le danze d'ogni ritmo
in una nuova Pentecoste delle razze.
Anche l'Occidente quel giorno imparerà
a pregare e a rispettare la vita.

Preghiamo:
Ancora una volta, Signore - come infinite altre volte nella storia dell’umanità - è in atto una grande migrazione di popoli verso le terre del lavoro e della ricchezza, verso le terre dell’abbondanza e dello spreco, verso i centri del potere e del progresso. Ogni esodo parte sempre da una terra di miseria o di schiavitù, e si dirige verso una terra promessa di benessere e dignità, ma che spesso diventa terra di nuova miseria e sfruttamento. Aiuta, Signore, tutti i credenti a trasformare le terre d’esilio in comunità di accoglienza e di dialogo, e la Babele delle razze e delle rivendicazioni nella Pentecoste delle lingue e della fraternità. Amen.